mercoledì 19 dicembre 2012

ai caduti per la Libertà

Se dai miei versi
strappi le rose,
delle quattro stagioni della mia poesia 
ne morirà una.

Se elimini l'amore,
due delle mie stagioni moriranno

Se mi togli la libertà
 tutte e quattro le stagioni moriranno

e io con loro
Omaggio a tutti i caduti per la Libertà.

 I versi sono di Sherko Bekas, poeta curdo nato nel 1940 e imprigionato dalle autorità irachene già nel 1961 per i suoi versi rivoluzionari.
 

5 commenti:

Bl4cKCrOw ha detto...

...e a quelli che cadranno... Buon Natale Sileno...

Gibran ha detto...

Commovente,non potevi trovare versi migliori per chi è purtroppo persequitato e muoiono per una libertà che non vedranno.
Ciao Sileno un abbraccio.

speradisole ha detto...

Quante vittime per ideali di libertà. Grazie Sileno sono parole bellissime ed illustrate magnificamente.
Ciao, un abbraccio.

Adriano Maini ha detto...

Degni, vibranti, corposi versi! Auguri a te e famiglia, intanto, Sileno!

randi ha detto...

poche frasi che racchiudono un mondo, poche foto che risaltano il tuo animo di poeta