martedì 11 settembre 2012

la baita e l'autunno


Avevo quattordici anni quando, una giornata di un'estate di tanti anni fa, durante un furioso temporale estivo che mi aveva sorpreso in una zona della vasta foresta a me del tutto sconosciuta, come un miraggio una minuscola baita mi apparve avanti.
Nella piccola costruzione di tronchi trovai della legna secca e perfino una scatola di zolfanelli ben asciutti, subito accesi un bel fuoco nel focolare in pietra, mi tolsi gli abiti fradici per asciugarli e mi sedetti su una panca di legno in attesa che cessasse il temporale.
Ho ancora vivido il ricordo di quei momenti il calore di quel provvidenziale fuoco, lo schioppettio delle fiamme alimentate da rami resinosi di abete  e l'odore penetrante del fumo unito all'odore di muffa  delle pareti di tronchi umide, i tuoni  fortissimi che periodicamente rompevano la quiete di quel rifugio.
Mentre attendevo, i miei occhi si soffermavano sulle numerose scritte fatte col carbone delle braci, nomi di persone unite da una data,ricordo, in particolare su un'asse del tetto, scritto in grande : D....s Graziella, via Bordoni, *4 Milano, non molti anni più tardi, la mia vita di emigrante mi portò a Milano e durante una passeggiata per riempire le mie domeniche solitarie, in prossimità della Stazione Centrale, alzando gli occhi, vidi la targa: via Antonio Bordoni e improvvisamente  la città attorno a me sparì e mi ritrovai nella baita in mezzo ai miei boschi, come per incanto.
Le vicissitudini della vita mi portarono poi in giro per il mondo, ma quando ritornavo al paese, una visita alla baita era sempre programmata e anche oggi non manco mai di andare in quel posto, per me magico, almeno un paio di volte l'anno e, a volte, solo per andare là, anche se devo sobbarcarmi un'ora di auto e un paio d'ore a piedi.
Purtroppo con il passare degli anni, molti anni, la mancanza di manutenzione e le intemperie hanno lasciato il segno e con grande malinconia mi rendo conto che anche il mio di  autunno avanza molto velocemente.



8 commenti:

Adriano Maini ha detto...

Che vita interessante che hai avuto! Io ti ho solo vagamente - e virtualmente! - incrociato dalle parti di Milano! :))

Bl4cKCrOw ha detto...

Questo post è il gioiello più prezioso che il tuo forziere di ricordi ci abbia mai potuto donare... L'ho apprezzato veramente tanto, in particolare per la moltitudine di significati a cui è legato... Grazie Sileno

Lara Ferri ha detto...

Poesia, nostalgia, sogno e un baita in autunno.
Grazie Sileno!
Lara

riri ha detto...

Caro Sileno gli autunni si accumulano ma arrivano anche le primavere che sono sempre dentro di noi.Un ricordo ricco di nostalgia, ma bello. Un abbraccio.

Michele ha detto...

interessante!
ciao

Gibran ha detto...

Il tuo romanticismo è molto contagioso.Ogni volta leggo nostalgiche avventure.
Ciao Sileno.

speradisole ha detto...

Che dire Sileno, se non che sei un poeta. Non solo hai bellissimi ricordi, ma ce li trasmetti anche in modo molto vivido e bello.
Ciao, un abbraccio.

randi ha detto...

una tristezza sottile prelude all'arrivo dell'autunno così come il sentore del fumo di legna umida rimanda ad un mondo che già appartiene al passato... e questa vena di malinconia, stasera, ci accomuna